Domenica 26 Aprile, il Borussia Monchengladbach batte il Wolfsburg e il Bayern diventa per il terzo anno consecutivo campione di Germania.

Guardiola al suo secondo anno in terra bavarese conquista per la seconda volta il Meisterschale, il venticinquesimo nella storia del club. Con 4 giornate d’anticipo e 15 punti di vantaggio sulla seconda, il Bayern è un panzer che distrugge qualsiasi squadra che si trovi di fronte, in Germania non ha rivali e in Europa solo poche squadre le tengono testa. Guardiola ha creato un gruppo coeso ed unito formato da giovani talentuosi, come Muller e Goetze, e senatori che non mollano mai, come Lahm e Schweinsteiger. Questo Bayern insomma sembra essere imbattibile, su 30 partite in campionato 24 vittorie e 4 pareggi solamente 2 sconfitte. La difesa è la meno battuta con appena 13 gol subiti e anche se non c’è un vero bomber da 30 gol a campionato , i vari Ribery, Robben e Lewandoski sono andati tutti in doppia cifra costruendo un meccanismo perfetto che gioca e dà spettacolo.  I tifosi però ormai ci sono abituati a vincere in patria e quindi vogliono il bottino grosso. Il triplete però ormai è sfumato, infatti ieri sera in semifinale di DFB Pokal, gli uomini di Klopp hanno eliminato il Bayern ai calci di rigore, dopo una partita che ha visto prima andare in vantaggio il Bayern che poi è stato rimontato dal Dorthmund, i tempi supplementari però non bastano e si va così ai calci di rigore. Dal dischetto però la squadra di Guardiola non è concentrata e sia Lahm sia Xabi Alonso scivolano e spediscono il pallone in curva. Dopo altri due rigori sbagliati, ecco il verdetto Dorthmund in finale con Klopp che potrebbe vincere almeno un ultimo trofeo con i gialloneri prima di lasciare a fine stagione.

Guardiola quindi almeno per quest’anno non potrà conquistare quel triplete tanto agoniato dai tifosi bavaresi. Ora però con la testa libera dal campionato, Pep dovrà vincere contro la sua ex squadra, il Barça, in semifinale di Champions, altrimenti i tifosi potrebbero anche reputarla una stagione fallimentare e Guardiola sarebbe a rischio per l’anno prossimo.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *